The best TOP 10 of EUROVISION 2014

Quanto ci piace questa manifestazione canora che ogni anno non delude le aspettative degli amanti del trash, anche se c’è da dire che ogni anno si vede sempre meno tradizione nelle performance e sempre più omologazione sia nella musica che nell’aspetto dei concorrenti.

Se ve lo siete perso o siete solo curiosi di sapere i momenti migliori che abbiamo scelto per voi. Eccovi accontentati!

10) POLLAPÖNK. No prejudice (Islanda) – Questa specie di stagionati post surf punk teletubbies sono arrivati solo al 15esimo posto e noi siamo molto tristi perché meritavano di più. La canzone è pop dalle atmosfere indie-hipster e loro hanno l’aspetto di essere quei tipici papà “giusti” che portano i figli a comprare i dischi in vinile. L’Islanda non ha mai visto tanto colore! Well Done!!!

9) DONATAN & CLEO. My Slowianie: We are slavic (Polonia) – Queste porno Spice Girls sono arrivate al 14esimo posto. Il pezzo era assolutamente insopportabile, con queste vocine squillanti, ma le ragazze sapevano decisamente il fatto loro riguardo a come bucare lo schermo! C’è da dire che sono state le uniche a portare delle “SENOrità” tradizionali riadattate, come anche i vestiti e i balli. C’era un ovazione ogni volta che inquadravano la lavandaia e la parte del testo migliore è quando dicono “Vodka is better than Whisky and Gin”…Pura Poesia Slava! 

8) TWIN TWIN – Moustache (Francia) – Odiamo i francesi e come noi il resto d’Europa che li ha lasciati rosicare all’ultimo posto della classifica con 2 soli miseri punti. Giusta punizione per essere stato l’unico paese ad aver parlato nella propria lingua durante il collegamento, alla faccia di tutti gli altri che almeno due paroline in inglese le avevano imparate. Pero dobbiamo essere buoni e giusti con i nostri cugini e dire che il pezzo dei francesi non é affatto malvagio. E’ divertente, ballabile ed estivo. Non meritava l’ultimo posto! Anche se i capelli del cantante sì lo meritavano!

7)  MOLLY – Children of the Universe (UK) – Chiudendo un occhio sul golden look di questa cantante, diciamo che nella musica il Regno Unito non delude mai e dobbiamo ammettere che pur mandando la feccia del loro intero panorama musicale, riescono a proporre comunque una canzone pop facile da canticchiare e non eccessiva come tante altre in questa competizione.

6) SOFTENGINE – Something Better (Finlandia) – Parliamo pure dei bonazzi finlandesi. Diciamoci la verità, avrebbero potuto portare un pezzo anche peggiore e ci sarebbero piaciuti lostesso! Sono arrivati solo al posto 11 in classifica ma probabilmente per colpa della giacca argentata del cantante e quella specie di bandana che portava al collo. Le boy band pop-rock sono molto in voga e questo pezzo somiglia un po’ a quelli dei 5SOS e noi auguriamo la stessa fortuna a questi biondini finlandesi…sempre se riescono a scongelarsi per la fine della stagione estiva! 

5) COMMON LINNETS – Calm after the storm (Olanda) – Per un attimo credevo si star guardando i Country Music Awards. Questi due sono personaggi televisivi perfetti che sembrano scelti da un Agenzia di modelli, che portano un pezzo serio, non in stile eurovision e fanno un omaggio stilistico al duetto Jonny Cash e  June Carter. Niente da dire. Ci siete piaciuti! Ma forse vi mancava un po’ d’Europa!

4) ARAM MP3 – Not Alone (Armenia) – Questo tipo dalla faccia un po’ inquietante da serial killer della porta accanto, ci ha decisamente sorpreso, più della metà della canzone è da buttare, solita ballata sanremese, e poi all’improvviso diventa un pezzaccio con una base heavy. Assolutamente da ascoltare!

3) FIRELIGHT – Coming Home (Malta) – All’apparenza sembrano i Mumford & Sons, per il numero di persone sul palco e per gli strani strumenti suonati, ma in realtà il pezzo è assolutamente degno di un Eurovision. Niente di eccezionale! Che carini i maltesi che pensano ancora di essere una colonia inglese. Da notare il saluto finale “Thank you Europe, Grazie Malta!” Lol

2) ANDRáS KáLLAY-SAUNDERS. Running (Ungheria) – Evidentemente nell’Europa dell’est si usa la formula dell’Armenia. Canzone normale fino ad un certo punto e poi climax drum n’ bass. Devo ammettere che il ritornello è figo! Lui rappresenta il futuro dell’Est con il suo aspetto evidentemente esotico, e il pezzo tratta di violenza sulle donne quindi punti su punti! Per me è il vero vincitore. Peccato che la donna barbuta sia stata ritenuta miglior rappresentante della modernità.

1) Per noi qui in redazione il miglior momento di questo Eurovision, è stato uno studio fatto sui voti degli europei che mostra che le giurie popolari sono molto più unite nella tolleranza che le giurie di “qualità”. O forse semplicemente le giurie di qualità giudicano solo la musica e non le barbe! A voi le conclusioni.

voti conchita eurovision

Voti a Conchita dal televoto – Blu voti alti, Rosso nessun voto

 

conchita voti eurovision

Voti a Conchita da giuria di “qualità” – Blu voti alti, Rosso nessun voto

QUI lo studio completo

Annunci

Tag:,

2 responses to “The best TOP 10 of EUROVISION 2014”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: