Ecco i nostri concorrenti per “miglior film straniero” ai prossimi Oscar 2015

E’ difficile vincere l’Oscar come miglior film straniero due anni di seguito ma noi ci speriamo sempre. Dopo la “Grande Bellezza” tanto apprezzato dal pubblico estero e tanto criticato in patria, quest’anno l’Italia presenta un film di Virzì dal titolo “Il Capitale Umano” che spiega l’ennesima realtà dell’Italia ai tempi della crisi, lontano dalle terrazze romane ma non così lontano dalla decadenza di Jep Gambardella. Una frase ci ha colpito e vogliamo riportarla: “Per il vostro bene ci siamo giocati tutto, anche il vostro futuro”!

I nostri concorrenti sono tantissimi e solo il 15 di gennaio si sapranno i nomi dei 5 finalisti che arriveranno a presenziare la notte degli Oscar il 22 febbraio. Facciamo una panoramica sui film dal mondo che non così spesso arrivano nelle nostre sale.

sorrentino oscar

BELGIO – Two days, one night (Fratelli Dardenne)

Anche il Belgio tratta la crisi ma in modo meno glamour del nostro. Il dramma della protagonista Marion Cotillard è quello di una donna che dopo un esaurimento nervoso torna a lavoro e scopre che ai suoi colleghi sono stati offerti 1000€ di bonus per coprire i suoi turni e in questo modo poter fare a meno di lei in fabbrica. Estenuante il suo viaggio nelle altrettanto difficili vite di questi 16 colleghi per cercare di convincerli ad aiutarla.

BRASILE – The way he looks (Daniel Ribeiro)

Omo-Dramma adolescenziale che ha vinto due premi al Festival di Berlino e ricevuto buone critiche sia dagli esperti che dal pubblico.

CANADA – Mommy (Xavier Dolan)

Vince il premio della giuria a Cannes. Parla del difficile rapporto di una mamma vedova e disoccupata con il suo violento figlio quindicenne. Una delle frasi più significative: “You get lucky…until you don’t”!

NORVEGIA – 1001 Grams (Bent Hamer)

Uno strano film su una donna che porta in giro per la vita un “peso” particolare. Quando un uomo le chiede “Isn’t it heavy to carry around?“, lei risponde “Life’s heaviest burden is to have nothing to carry

POLONIA – Ida (Pawel Pawlikowski)

Stilisticamente bellissimo bianco e nero avvolto dalla solenne serietà del regime comunista, racconta la storia di una novizia che scopre il suo passato rivedendo una vecchia zia single dalla mentalità molto moderna. Un commovente scontro fra il mondo laico e quello religioso in un’epoca e in un luogo in cui voler vivere era desiderare troppo.

SERBIA – See you in Montevideo (Dragan Bjelogrlić) 

Commedia dal tipico spirito slavo che ripercorre le leggendarie gesta della prima nazionale di calcio yugoslava riuscita ad entrare in un campionato del mondo.

URUGUAY – Mr.Kaplan (Álvaro Brechner)

Un’esilarante commedia su un pensionato annoiato dalla vita che decide di catturare un vecchio nazista scappato in Uruguay dopo la guerra.

CLICCANDO QUI potete vedere la lista completa dei film candidati e potete fare il vostro TotoOscar 

l-applauso-triste-di-leonard-di-caprio

Annunci

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: